sabato 8 marzo 2008

Lis mês esperiencis (1)

Cuant che si tache a studiâ archeologjie si pense simpri al moment che si metarà pît in tun sgiâf: si fantastiche su trop che al podarà sedi interessant, si pense a dutis lis robis che a saltaran fûr sot dai voi e parcè no, si imagjine ancje un pocje di notorietât! Te Universitât di Udin i students a son mandâts a fâ pratiche a Aquilee, e prin o dopo ducj a podin contâ di cheste prime esperience come archeolics, ma soredut di trop dûr che al è in realtât chest lavôr, fat no dome di scovetutis e pineluts…

4 commenti:

ninine ha detto...

Un grazie ai tre bulos sgjavadors: Rudy, Claudio e Ernesto! Mandi

Christian Romanini ha detto...

ise la corse des cariolis? ;-)
batudis a part, il lavôr di archeolic al è une vore inmagant, ma come che tu disis tu o pensi che al vedi ancje elements di fadie che dispès no vegnin considerâts.
E al è un pecjât che dispès o sedis costrets a lavorâ in economie cence i juscj finanziaments par podê pardabon studiâ in maniere adeguade i sîts archeologjics.

ninine ha detto...

Eh sì Christian, al è un lavor pardabon biel e variat, ma purtrop nol è ancjemò considerat, almancul chi in Italie, come che si devi. E sì che il nestri paîs al è chel plui sior di bielecis archeologjichis e culturals!

Edgar Kenneth ha detto...

I pensi che la soddisfazion di scuviergj robis dismenteadis un sac di timp fa a sedi come che dal prin omp ca là metut peit su la lune. A mi plasarès provà