lunedì 19 settembre 2011

Viaç a Crete/part 1

O volevi condividi cun voaltris part dal gno viaç di cheste Istât, dulà che o ai cirût di coniugâ relax, mâr, divertiment e culture (e ancje bon mangjâ :)). Beh, chel puest lu ai propit cjatât e e je la isule di Crete!
E jere la seconde volte che o lavi in Grecie (la volte prime a Kos) e o scuen dî che e je pardabon un mont a part, plene di storie, di personis une vore ospitâls e di un mâr fantastic!
Prime di partî o savevi bielzà ce che o sarès lade a viodi, cu la ferme intenzion di visitâ plui robis pussibilis ancje se i dîs par zirâle no saressin stâts tancj (la isule no je tant piçule, e je la cuinte par grandece tal Mediteranei, daspò Sardegne, Sicilie, Corsiche e Cipro).
La sô vicende, se ben leade a fuart cun chê de Grecie continentâl e cun chê dai paîs dongje (Turchie, Egjit e Italie in primis) e scomence però cuntune individualitât che le caraterizarà par ducj i prins milenis di storie, in chel periodi clamât "minoic".
Di fat, za tor dal II mileni devant di Crist e scomence a deliniâsi chê civiltât che nô o cognossin come "civiltât minoiche" caraterizade dai famôs palaçs, simbui di une organizazion de societât pardabon indevant par chei timps.
I plui famôs a son stâts Knossos, Festòs e Malia, ma dute la isule e je impregnade di sîts minoics plui o mancul piçui, che dal sigûr a vevin tra di lôr une fite rêt di colegaments ma che a jerin ognidun ben indipendents e autosuficients.
La carateristiche principâl di chescj palaçs e jere il fat che no jerin dome lis abitazions dai siôrs (dal re in chest câs) ma vêrs centris dal podê cun libar acès di bande ancje di dute la popolazion che e gravitave ator dal edifici (regolât di pueste) e che e contribuive al sostentament de comunitât intune sorte di "ben comun"; chei che si son conservâts miôr di fat fint in dì di vuê a son propit i magazins dulà che si esercitave il scambi di bens primaris (vin, vueli, aliments e v.i.). O torni a dî duncje, une organizazion de societât une vore plui "indevant" di chê che o podìn imagjinâ ancje dome vuê, dulà che i palaçs dal podê a son ben lontans dal condividi alc cu la popolazion...
al continue...

(te foto une viodude dal palaç di Knossos, tal nord de Isule)

4 commenti:

Dame mit Fächer ha detto...

Graciis Ninine, al è simpri un plasè a leiti!
Gjovane Done Bete

Ninine ha detto...

Grazie bete che tu passis simpri par ca! A prest cu la continuazion! ;)

Gitano Sedentario ha detto...

Ciao Ninine, complimenti per l'originalità del progetto in dialetto. Non ti scrivo nel mio perchè non è troppo caratteristico.
Da bambino la mi passione era l'archeologia (ho visto troppi Indiana Jones). Continuerò a seguire il tuo blog (non senza difficoltà ;))
con molto interesso.
Ciao.
Gitano Sedentario

Ninine ha detto...

Grazie Gitano per il tuo interesse, anche se secondo me non centra l'"originalità" dei dialetti o delle lingue, conta quello che uno si sente di esprimere e se si sente di esprimerlo nella sua lingua ben venga, alla faccia della sempre maggiore globalizzazione (soprattutto linguistica).
Se ti interessa qualche argomento che però non ti è ben chiaro non esitare a scrivermi!
Mandi! :)