martedì 30 novembre 2010

Baste!

No si pues plui viodi ciertis robis, o soi ingomeade di lei ciertis notiziis seguidis di cetantis declarazions di bande de fazion politiche che e minimize disastros anunciâts, e dulà che nissun al cîr di comedâ. A spessein dome a dâsi la colpe un cun chel altri, a taponâsi daûr il lavôr fat di chei vignûts prime di lôr, a tignî ben ferme la lôr cjadree cence cirî di salvâ il (pôc) salvabil che al reste. Intun paîs che al PODARèS vantâ un patrimoni culturâl unic viodi ciertis robis e sintî chestis declarazions di bande dai politic mi fâs dome stomi.
"Di cultura non si mangia", al à dit Tremonti, sì, di fat ducj i archeolics, i operadôrs che a podaressin lavora intun ambit vastissim in Italie, e ducj chei che si dan da fâ pe culture no mangjin parcè che no lavorin...

Ce schifo...
(te foto la ultime sdrumarie a Pompei, la (za) "Cjase dal Moralist"...)

2 commenti:

flavio ha detto...

La mancjanze di manutenzion e à puartât a chest disdrumament, e al "rumôr" al è stàt sintût par dut al mont. Ancje a Aquilee a sucet di anoruns che mancje une organiche e costant manutenzion des struturis antighis mitudis ae lûs; domo che a van in malore cence fâ rumor e cence che nissun a disi nje, nè domandi cont. A Pompei como a Aquilee.

ninine ha detto...

Mandi Flavio, o soi dacuardi, chest al è dome un esempli di cemût che e ven tratade la culture in Italie, segn di aretratece e ignorance che nus fâs cognossi in dut il mont.
Se o pensìn che grant part dal patrimoni talian al è tignû su dome daûr dal impegn dai volontaris, che i archeolics a son considerâts come "categorie disocupade croniche, o vin za dit dut.
Graciis par jessi passât di ca!
Maman!